Chi siamo

 

crespi chi siamo

La Crespi di oggi è il risultato dell’ evoluzione di un’evocazione perseguita per oltre 200 anni durante i quali ha filato e tessuto sviluppando ed affinando amore e competenza per la produzione di tessili della più alta funzionalità e qualità.

La qualità ha le sue radici nella più profonda conoscenza delle materie prime, nella cura “quasi maniacale” della loro scelta, nella scelta dei filati, nella scelta dei partner commerciali, nel controllo dei processi di lavorazione, nell’identificazione delle finalità a cui è destinato il tessuto per poter progettare e costruire un materiale che permetta di soddisfare ogni esigenza di natura estetica e funzionale che sia desiderata nell’uso specifico dall’utilizzatore e per poter mettere a disposizione dello stilista un materiale che gli permetta di concentrare estetica a funzionalità e benessere nell’uso.

La Crespi ha identificato la sua missione nell’essere il produttore affidabile.

Nel concetto di affidabile c’è la costanza nella qualità, la certezza della data di consegna, la capacità di fronteggiare domande impreviste o necessità emergenti dei clienti, ecc.

Nel concetto di competenza è la conoscenza intima di quelle che sono le esigenze dell’uomo (e, ovviamente, della donna) moderno che, a differenza dei suoi antenati, non richiede più solo di essere coperto e protetto dal freddo ma richiede di avere degli indumenti che abbinino la funzionalità richiesta nei vari momenti ed attività del giorno combinate con un valore di estetica e di facilità di manutenzione ad altissimo livello.

Competenza significa anche profonda conoscenza dei procedimenti di creazione e di preparazione dei capi di abbigliamento e capacità di lavorare in team con gli stilisti che li progettano al fine di contribuire a raggiungere il massimo risultato possibile.

Capacità di cogaranzia significa l’assicurazione data all’acquirente finale di un capo che incorpora le componenti materiali più idonee a dargli nell’uso dello stesso l’utilità desiderata.

In un certo senso la Crespi pensa di essere rispetto allo stilista Michelangelo colui che gli porta il blocco di marmo perfetto per creare il capolavoro.